Etichettato: colpo di stato

Perchè l’avvicendamento di Renzi non è un colpo di stato.

20140214-093136.jpg

Un colpo di Stato consiste in un atto violento, o comunque illegale, posto in essere da un potere delloStato e diretto a provocare un cambiamento di regime.

La dittatura è una forma autoritaria di governo in cui il potere è accentrato in un solo organo, se non addirittura nelle mani del solodittatore, non limitato da leggi, costituzioni, o altri fattori politici e sociali interni allo Stato.

Dato che vedo un sacco di gente confusa fra Facebook e Twitter credo sia il caso di fare un po’ di ordine, almeno partendo dalle definzioni corrette.

La costituzione prevede che il Presidente del Consiglio sia nominato dal Presidente della Repubblica su indicazione dei principali partiti politici, il Parlamento si limita a dare, o a non dare, la fiducia al Governo. In tutto questo il popolo non c’è perchè ha esaurito i suoi compiti diretti una volta eletto il parlamento. 

Come da definizione non c’è nessun colpo di stato o dittatura ed è sempre successo, anzi negli anni abbiamo avuto come presidente del consiglio Carlo Azeglio Ciampi che non ha mai avuto prima cariche elettive di nessun tipo ma nessuno si è mai sognato di pensare ad una mossa antidemocratica.

Quindi da dove salta fuori questa idea del presidente del consiglio eletto dal popolo? Da Silvio ovviamente.
Lui ha sempre ripetuto di esser stato eletto da popolo fino alla nauesa e continuando a ripetere questo ritornello ha finito per far credere a tutti che la presidenza del consiglio dei ministri sia una carica ad elezione popolare. Da qui ad arrivare all’assurda idea dell’atto antidemocratico il passo è breve. Peccato che sia un’enorme cazzata e che l’avvicendamento fra Renzi e Letta, per quanto sia un atto triste e politicamente poco condivisibile, rimane perfettamente all’interno dei binari della democrazia.