Multatemi se sbaglio.

Tutte le volte che lasciamo l’auto in divieto di sosta al nostro ritorno ci avviciniamo lentamente guardando con diffidenza il parabrezza finchè non capiamo se sotto le spazzole del tergicristalli la multa c’è o no.

Ogni volta che il parabrezza rimane intonso un sospiro di sollievo ci pervade e noi possiamo affrontare il resto della giornata leggeri e spensierati.

Peccato che non è così che andrebbe affrontata la cosa perchè ogni volta che uno di noi commette un’infrazione dovrebbe pagarne le conseguenze e in un paese civile se pretendiamo che le regole vengano rispettate da tutti ci vorrebbe non solo la certezza della pena ma anche la certezza della multa.
Invece vivo in una città, Voghera per la precisione, dove il Comune ha deciso per snellire il traffico di mettere in un paio di punti dei divieti di sosta e fermata che non solo non vengono puntualmente rispettati dagli automobilisti ma non vengono nemmeno presi in considerazione dai vigili, che infatti non multano nessuno o quasi.

Questo comportamento non solo è nocivo nei confronti di chi sbaglia perchè non impara a rispettare le regole ma è dannoso anche per chi le regole le rispetta e si sente un cretino in un paese di furbi mentre dovrebbe sentirsi un cittadino rispettato.

Non è Voghera ad essere anomala ma è tutto il sistema ad essere in errore tanto che sul Fatto Quotidiano Marco Ponti, docente di economia dei trasporti, ha dichiarato: “L’Economist ha definito Milano la capitale mondiale della doppia fila e ancora in città hai quasi la certezza di non prendere multe. Sono andato a Los Angeles e ho parcheggiato in una strada secondaria deserta dove non c’era anima viva. Sono stato lontano dieci minuti e tanto è bastato per beccarmi la multa. E lì ho scoperto che vige la certezza della sanzione”
Peccato che da noi non sia così e si vive sempre di multe date con discrezione, di richieste di grazia e di clemenza come se chi si è scolato mezza bottiglia prima di guidare dovesse proprio farlo, come se festeggiare il compleanno dell’amico sia un’attenuante valida per rischiare di fare un frontale, come se il fatto di bloccare la strada “solo” per 10 minuti alla fine non sia un vero intralcio alla circolazione e che prima di schiacciare sull’acceleratore nessuno si ricorda che con la patente ci lavora salvo poi piagnucolarlo all’agente di turno per cercare di commuoverlo.
Tutti o quasi quando vengono multati non pensano che il vigile/carabiniere/poliziotto di turno sta solo facendo il proprio lavoro ma sono convinti di essere vittime di un complotto sadico e malefico e non pensano nemmeno che basterebbe non sgarrare per non incorrere nella punizione.

Ogni multa su un parabrezza, ogni patente tolta per l’alcooltest o per eccesso di velocità dovrebbe rappresentare un trionfo della democrazia e di uno stato funzionante che colpisce ed educa chi non rispetta le regole e fa vivere sereno chi le rispetta.

Quindi tutti noi avvicinandoci alla nostra auto parcheggiata selvaggiamente in divieto di sosta, magari rubando il posto a chi ne avrebbe più diritto, dovremmo sperare in fondo di trovare un fogliettino giallo sapendo che è il segno che viviamo in un paese civile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...